Una mostra che si propone di esplorare il lato positivo del rapporto uomo/tecnologia attraverso le opere di artisti di fama internazionale. Happy Tech, macchine dal volto umano, accende i riflettori su opere ispirate a tecnologie “a misura d’uomo”, ovvero che estendono la nostra natura, permettono, abilitano, sviluppano e potenziano le caratteristiche,le capacità e le ispirazioni umane migliori. Ad ogni opera d’arte è affiancato un exhibit scientifico che consente di conoscere e provare una tecnologia legata al tema dell’opera.

CATALOGO DELLA MOSTRA E SCHEDA DI APPROFONDIMENTO

Scopri come l’evoluzione della cultura umana subisce un’accelerazione ogni volta che si inventa una nuova tecnologia. Vedi come ogni nuova tecnologia, proprio come ogni nuova opera d’arte non nasce dal nulla, ma dalla combinazione di elementi esistenti. Scopri come la nostra mente “guarda” al mondo, e e come dialoga con strumenti tecnologici che la potenziano. E molto altro ancora.
Clicca qui per leggere e scaricare il catalogo in italiano
Clicca qui per leggere e scaricare il catalogo in inglese
Clicca qui per leggere e scaricare la scheda di approfondimento della mostra

ARTISTI E OPERE

Tony Cragg, Fei Tracy, Piero Fogliati, Martino Gamper, Rainer Ganahl, Candida Höfer, Alfredo Jaar, Thorsten Kirchhoff, Armin Linke, Bruno Munari, Viz Muniz, Mark Napier, Tony Oursler, Paik e Godfrey, Pipilotti Rist, Thomas Ruff, Tom Sacs, Bill Viola.

VIDEO E IMMAGINI

Clicca su Video per vedere il filmato di presentazione: dura poco più di quattro minuti e puoi scegliere tra italiano e inglese. Clicca su Immagini per vedere la galleria fotografica della mostra.

CREDIT

Progetto e organizzazione. La mostra Happy Tech è un progetto di Giovanni Carrada, a cura di Giovanni Carrada  e Cristiana Perrella,  con la collaborazione di Silvia Evangelisti. La mostra è stata a Bologna, a Palazzo Re Enzo, dal 3 al 13 febbraio 2011, e trasferita presso la Triennale Bovisa di Milano dal 22 febbraio al 31 marzo 2011.
La mostra fa parte del sistema di mostre ed eventi proposti dalla Fondazione Golinelli. È realizzata in collaborazione con la Triennale di Milano.

Allestimento. Laboratorio dell’Immaginario Scientifico, Trieste
Patrocini. Ministero per i Beni e le Attività Culturali, Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca/Ufficio scolastico regionale Emilia-Romagna, Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca/Ufficio scolastico regionale Lombardia, Regione Emilia-Romagna, Provincia di Bologna, Comune di Bologna, Accademia dei Lincei Alma, Mater Studiorum Università di Bologna, Città e siti italiani/Patrimonio Mondiale Unesco, Istituto Mario Negri di Milano, Rai, Segretariato Sociale Camera di Commercio Industria Artigianato e Agricoltura di Bologna, Expo2015, Politecnico di Milano.
Main Sponsor. Enel, Alfa Wassermann.
Con il sostegno di Fondazione del Monte di Bologna e Ravenna.
Sponsor. Ascom Bologna, Unindustria Bologna, Ima, Marposs.
Un ringraziamento per la collaborazione e il sostegno al Comune di Bologna. Un ringraziamento a Fondazione Corriere della Sera per la collaborazione nella realizzazione degli incontri collegati alla mostra.

COMUNICATO STAMPA

comunicato stampa HAPPY TECH (ita)

RASSEGNA STAMPA/UNA SELEZIONE

Gennaio-marzo 2011 Arte e Milano
27 gennaio 2011 L’Espresso
29 gennaio Il manifesto
Febbraio 2011 AD
01 febbraio 2011 Europa
02 febbraio 2011 Avvenire
02 febbraio 2011 Corriere della Sera
02 febbraio 2011 Corriere di Bologna
02 febbraio 2011 La Repubblica
02 febbraio 2011 Corriere della Sera
03 febbraio 2011 La Repubblica (ed. Bologna)
03 febbraio 2011 QN
18 febbraio 2011 Il Venerdì di Repubblica
20 febbraio 2011 Domenica (Il Sole 24 ore)
23 febbraio 2011 Vanity Fair
28 febbraio 2011 La Stampa
01 marzo 2011 Il Sole 24 ore
01 marzo 2011 Inside Art